DESTINATION MAGAZINE #7 - page 7

7
DESTINATION MAGAZINE
#7
2000 delegati provenienti da
216 Paesi e firma una carta per
la sostenibilità dello sviluppo
territoriale nel mondo che
prelude alla Conferenza sul
clima di dicembre a Parigi.
Il
turismo
e il sistema dei
beni culturali
quindi possono
tranquillamente
continuare
ad essere il
driver della
crescita
del territorio. A
patto che tutti ci credano e
continuino ad
investire
con
coerenza strategica e che
si faccia chiarezza su quale
cultura e quale turismo. Un
po’ di
preoccupazione
c’è in
tal senso. Sfogliando
Torino
Metropoli 2025
, il terzo
piano strategico della città, ci
si accorge che le voci cultura
e turismo non sono leve di
pianificazione del futuro.
L’
Art Bonus
poi ha evidenziato
la
timidezza
dei “mecenati”
torinesi: nel primo mese e
mezzo sono stati raccolti
solo 5000 euro. Perché la
defiscalizzazione funziona solo
per il patrimonio pubblico? È
dunque immaginabile allagare
il bonus al sostegno delle
istituzioni culturali private
quali
fondazioni,
musei,
promotori e associazioni. Il
caso del
Salone del Libro
,
l’evento
più
importante
dell’editoria in Europa dopo
la Buchmesse di Francoforte,
oltre le indagini in corso, ha
poi evidenziato la tendenza a
Sopra:
la galleria di Diana alla Venaria Reale
1,2,3,4,5,6 8,9,10,11,12,13,14,15,16,17,...32
Powered by FlippingBook