fbpx

Sono circa 6.600 i chilometri che la nostra bella Italia offre a tutti coloro che vogliono intraprendere un nuovo modo di fare turismo. "Il turismo italiano riparte, e lo fa a piedi": questo è quanto ha auspicato Dario Franceschini, ministro dei Beni Culturali e del Turismo, proclamando il 2016 come l'anno Nazionale dei cammini. "I cammini sono una opportunità - spiega il ministro- per rivalutare zone intere del territorio italiano".

L'idea nasce prendendo spunto da Santiago di Compostela, un cammino che ha reso quel luogo famoso in tutto il mondo; senza volerlo sminuire, consentitemi di pensare che non ha niente di più e niente di meno dei tantissimi e antichissimi cammini nostrani. Accesi dunque i riflettori sui cammini storici italiani, si accendono anche i motori del mutamento radicale, in un territorio che ogni anno vede arrivare sempre più turisti internazionali che amano scoprire posti nuovi e "diversi". Turismo, turismo lento, turismo a piedi che oltre ad aiutare il settore migliora la salute: sono passati infatti pochi anni da quando nel 2010 venne attivato il "protocollo globale" nel "The Toronto Charter for Physical Activity" per la promozione della salute attraverso la promozione del camminare.

Come sempre, ogni nuova iniziativa nel campo turistico può essere un valido spunto per tutti gli specialisti del settore per costruire, con un adeguato modus operandi, offerte esaustive in grado di dare solide basi al modello dei cammini italiani. Non ci sono scuse, infatti: è stato ideato anche uno strumento tecnico capace di offrire supporto a tutti gli enti pubblici e ai privati che vorranno proporre i cammini storici italiani rifacendosi ai piani strategici di sviluppo turistico della regione di appartenenza.
Le opportunità e le idee non mancano: agriturismi bio, percorsi culturali, posti letto in caratteristiche case rurali o additittura case sugli alberi. Tutte le informazioni sono disponibili nei vari siti internet come retecamminifrancigeni.eu, viefrancigene.org, cammini.eucamminiitaliani.it, camminodifrancesco.it, beniculturali.it.
Stabiliti i parametri, le destinazioni e gli strumenti, non rimane altro che scegliere il nostro cammino e vivere un'esperienza spettacolare, perché il turismo non deve essere solo "fatto economico".
"Tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si cammina" (F. Nietzsche)

 

giuseppe cara 180x226Giuseppe Cara

Twitter @giuseppe_cara

Dottore in Programmazione e promozione turistica, laureatosi presso l'Università degli Studi di Messina

 

LEGGI ANCHE: “Fenomeno” Francigena, il Touring Club traccia l’identikit dei camminatori

L'Aquila, i "Cammini della biodiversità" per conoscere e amare l'Appennino Centrale

La Romea Strata è la “nuova” Francigena per il turismo nel Nordest

Giubileo, la Toscana è pronta per i turisti con Francigena e web

Cesena porta i pellegrini sugli itinerari religiosi dell'Appennino

Via Francigena, Pavia la candida all’Unesco

 

Fonte foto: Ansa